· Città del Vaticano ·

In rete
Un sito alla settimana

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 aprile 2021

L’Aquila ricorda le vittime del terremoto


Un fascio di luce si staglia verso il cielo. L’Aquila ha ricordato il dodicesimo anniversario del sisma che il 6 aprile 2009 alle ore 3.32 ha colpito il capoluogo dell’Abruzzo assieme a 56 comuni nelle province dell’Aquila, Teramo e Pescara. Nella chiesa di Santa Maria del Suffragio risuonano i nomi delle vittime delle scosse. Trecentonove persone hanno perso la vita e circa 100.000 sono state sfollate. Nell’omelia della celebrazione eucaristica, il cardinale Giuseppe Petrocchi, arcivescovo dell’Aquila ha ricordato: «Il tempo non cicatrizza queste ferite: ed è giusto così, perché testimonia un valore perenne! L’importante è che non si infettino. Questa sofferenza va avvicinata e condivisa con rispetto, secondo la sapienza e con la sensibilità della Pasqua. Il dramma del terremoto ha reso ancora più “Popolo” la gente aquilana», ha sottolineato il porporato, presidente della Conferenza episcopale abruzzese e molisana, perché «la comune tragedia, affrontata “insieme”, ha stretto, con nodi inscindibili, il mutuo senso di appartenenza». Neanche quest’anno è stato possibile organizzare la fiaccolata per fare memoria della ferita della comunità. Le dirette delle celebrazioni sono state però condivise sui canali social dell’arcidiocesi dell’Aquila. Una luce si è accesa alle finestre di tanti cittadini che, nella sera del lutto, hanno scelto di illuminare le finestre e i balconi degli edifici per partecipare alla notte della memoria, cercando di guardare con speranza a un domani migliore.

Visita virtuale del duomo di Modena


Un viaggio tra storia, arte e bellezza. Vissuta la Santa Pasqua, la visita ai capolavori artistici continua in maniera virtuale. Rispettando le restrizioni sugli spostamenti, si sono moltiplicate le mostre a distanza. Così avviene anche nel sito mondiale Unesco della città di Modena. All’indirizzo internet www.unesco.modena.it/visita-virtuale-duomo è possibile infatti visitare il duomo della città emiliana. La prima pietra è stata posata il 9 giugno 1099. La cattedrale di Maria Assunta, consacrata nel 1184, custodisce le spoglie di san Geminiano, vescovo e patrono della città. Durante l’attuale pandemia, i percorsi online sono stati integrati da video dedicati in particolare a supporto didattico di insegnanti e studenti. Nel 1997 la cattedrale di Modena, la Torre della Ghirlandina e piazza Grande sono stati dichiarati patrimonio dell’Umanità dall’Unesco poiché «Il complesso di Modena è una testimonianza eccezionale della tradizione culturale del xii secolo e uno degli esempi eminenti di complesso architettonico in cui i valori religiosi e civici si trovano coniugati in una città cristiana del Medioevo». Il sito diocesano è www.chiesamodenanonantola.it.

a cura di Fabio Bolzetta