· Città del Vaticano ·

In rete

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 marzo 2021

La Custodia di Terra Santa promuove un pellegrinaggio multimediale sulla Via Crucis


Tornare ad accompagnare i fedeli nei luoghi della Passione di Gesù, grazie alle nuove tecnologie, accorciando le distanze imposte in tempo di pandemia. Si chiama «Hic - On the way of the cross» il progetto multimediale promosso in tempo di Quaresima dalla Custodia di Terra Santa. I visitatori di tutto il mondo, si legge nella presentazione dell’iniziativa, sono «condotti virtualmente sulla Via Dolorosa a Gerusalemme, seguendo passo dopo passo la strada che Gesù percorse duemila anni fa, portando sulle spalle la croce dal luogo in cui venne flagellato fino al luogo della sua crocifissione».

Ad ogni stazione della Via Crucis è dedicato un breve video, partendo dalle immagini di Gerusalemme, dove ebbero luogo gli episodi narrati nei Vangeli, per dare spazio poi alla meditazione, grazie all’aiuto dei religiosi della Custodia. Ogni frate francescano si esprime nella sua lingua madre, da un diverso santuario della Terra Santa. Tredici video, per tredici stazioni della Via Crucis, commentate in tredici lingue diverse, a testimonianza del fatto che i frati francescani della Custodia di Terra Santa compongono una fraternità internazionale. L’appuntamento è sui profili social della Custodia di Terra Santa attivi su Facebook, Instagram e Twitter.

Mostra online sulla Sindone promossa dal Pontificio Ateneo Regina Apostolorum


«Chi è l’Uomo della Sindone?» Durante il periodo di Quaresima, il Pontificio Ateneo Regina Apostolorum propone una mostra in esclusiva online «per offrire una importante occasione per proseguire il dialogo tra Scienza e Fede».

La mostra propone la riproduzione della Sindone grazie a presentazioni multimediali, un percorso storico-didattico, la presentazione del dibattito scientifico sull’autenticità e le caratteristiche del telo alla luce delle ricerche compiute negli ultimi anni. Vengono anche ospitati studi sulla Passione di Cristo alla luce della Sindone e sulla ricostruzione di alcuni degli oggetti della Passione: i chiodi, la corona di spine, i flagelli.

L’esposizione «è destinata a tutti coloro che hanno un interesse spirituale per la Sindone e che desiderano saperne di più sul suo valore, la sua autenticità, il suo significato e il suo messaggio». È possibile partecipare all’evento registrandosi gratuitamente, sino al 27 marzo, all’indirizzo internet www.upra.org/landing/sindone-2021.

a cura di Fabio Bolzetta