· Città del Vaticano ·

Direttore de «La Civiltà Cattolica» dal 1985 al 2011

È morto
padre GianPaolo Salvini

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
22 marzo 2021

Aveva compiuto da poco 85 anni padre GianPaolo Salvini, direttore di «La Civiltà Cattolica» dal 1985 al 2011, morto ieri mattina nell’infermeria dei gesuiti delle case di Roma. «È stato uomo di acume, sano spirito critico, dolcezza e spiritualità riservata e profonda», ricorda l’attuale direttore della rivista, padre Antonio Spadaro, che per primo su Facebook ha diffuso la triste notizia. A febbraio le condizioni di salute di Salvini avevano subito un brusco peggioramento, tanto da portare in poche settimane al decesso. Nato a Milano il 3 marzo 1936, era entrato nella Compagnia di Gesù a Lonigo il 7 dicembre 1954. Laureatosi a Milano in Economia, seguì e completò gli studi di Teologia a Innsbruck, in Austria. Venne ordinato sacerdote il 28 maggio 1967. Fece i suoi primi anni di ministero a Salvador de Bahia, in Brasile, venendo successivamente destinato al Centro studi sociali e dal 1969 alla rivista «Aggiornamenti sociali» a Milano, della quale divenne direttore dal 1977 al 1981, servizio che lasciò per quello di superiore al San Fedele, sempre nel capoluogo lombardo. A «La Civiltà Cattolica» approdò nel 1984. Dopo pochi mesi fu nominato direttore, incarico mantenuto per ventisei anni, fino al 2011; ma non lasciò mai la rivista, dove rimase come scrittore emerito, continuando a scrivere e a pubblicare. È stato per quindici anni consultore del Pontificio Consiglio della giustizia e della pace, membro del comitato scientifico dell’Istituto «Paolo vi » di Concesio, nonché accademico emerito della Pontificia Accademia di teologia. Molti ricorderanno le sue riflessioni su etica ed economia, la passione per la montagna, la sua ironia: «L’umorismo — scrisse in un articolo del 2017 — costituisce un elemento prezioso per una vita sana ed equilibrata anche dal punto di vista spirituale, perché ha molto a che fare con il gratuito, la creatività, l’intelligenza, tutti elementi indispensabili per il rapporto con Dio». I funerali si svolgeranno domani 23 marzo, alle ore 12, a Roma, nella chiesa di Santo Spirito in Sassia.