· Città del Vaticano ·

I 90 ANNI DI RADIO VATICANA
L’augurio del Pontefice

Una comunicazione
capace di far vedere la verità

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
12 febbraio 2021

«Cari fratelli, buon anniversario. È importante conservare la memoria della nostra storia ed avere nostalgia non tanto del passato, quanto del futuro che siamo chiamati a costruire. Grazie per il vostro lavoro. Grazie per l’amore che ci mettete. La radio ha questo di bello: che porta la parola anche nei posti più sperduti. E la coniuga oggi anche con le immagini e con lo scritto. Andate avanti con coraggio e creatività nel parlare al mondo e costruire così una comunicazione capace di farci vedere la verità delle cose». Lo ha scritto Papa Francesco nel messaggio augurale fatto pervenire alla comunità di lavoro della Radio Vaticana, nel giorno in cui ricorre il novantesimo anniversario di fondazione. Nella circostanza il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, ha presieduto la messa di ringraziamento all’altare della Cattedra della basilica Vaticana, nel rispetto delle limitazioni imposte dalla pandemia. Alla presenza di una rappresentanza dell’emittente, guidata dal prefetto del Dicastero per la comunicazione, Ruffini, hanno concelebrato il segretario dello stesso Dicastero, monsignor Ruiz, e alcuni sacerdoti legati all’emittente progettata e costruita da Guglielmo Marconi su incarico di Pio XI. La mattinata commemorativa si è conclusa con un incontro virtuale sulla piattaforma Zoom.

Apertura, universalità, contatto
di Pietro Parolin

Fare memoria per generare il futuro
di Paolo Ruffini

Al servizio dell’inculturazione
di Luca Collodi