· Città del Vaticano ·

La decisione di Mattarella

A Draghi l’incarico
di formare il governo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 febbraio 2021

«Mi rivolgo al Parlamento nel quale sono fiducioso emergano unità ed una risposta responsabile e positiva alla richiesta del presidente della Repubblica». Mario Draghi, ex presidente della Banca centrale europea, appena ricevuto oggi dalle mani del capo dello Stato l’incarico di formare un nuovo governo, dice poche ma precise parole. Il suo primo messaggio, letto alla stampa nel salone delle feste del Quirinale, ricalca quello che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella aveva lanciato ieri sera nell’annunciare la scelta di Draghi come presidente del consiglio incaricato.

«Ora ci sono due strade alternative» aveva premesso una volta preso atto della fine del tentativo di ricomposizione della maggioranza, affidato al presidente della Camera, Roberto Fico. «Dare immediatamente vita a un nuovo governo adeguato a fronteggiare le emergenze sanitaria sociale economica finanziaria — aveva spiegato — o immediate elezioni anticipate». Il voto anticipato, aveva premesso, è un esercizio di democrazia. Ma l’attuale sofferenza del Paese non consente la sola attività ordinaria di governo. «Avverto il dovere — aveva concluso — di rivolgere un appello a tutte le forze politiche in Parlamento perché conferiscano la fiducia ad un governo di alto profilo, che non deve identificarsi con alcuna formula politica».

Le forze politiche si sono divise, al momento. La formazione più forte in Parlamento, il Movimento 5 stelle (M5s) raccoglie voci molto critiche. «Ringraziamo il presidente Mattarella per aver pazientemente guidato questa grave ed insensata crisi ma ribadiamo che non voteremo un governo tecnico Draghi, meglio le elezioni» dice la vicepresidente del Senato, Paola Taverna, che rimanda ad un’assemblea fra gli eletti convocata immediatamente. Il senatore Emilio Carelli, da parte sua, lasciati il M5s, annuncia appoggio a Draghi. Per il Pd, il vicesegretario, Andrea Orlando, dice che «non basta dire viva Draghi, occorre dare una mano a Draghi». Italia viva saluta «la saggezza» del capo dello Stato. Anche il centrodestra annuncia un’assemblea interna sulla svolta alla crisi. La presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, chiede comunque elezioni subito. Il segretario della Lega, Matteo Salvini, lancia su Twitter un post con l’articolo 1 della Costituzione «La sovranità appartiene al popolo». Secondo Renato Brunetta , di Forza Italia «Draghi sarà la persona giusta. Ce la può fare, con il concorso di tutti»