· Città del Vaticano ·

All’udienza generale l’appello di Papa Francesco in vista dell’entrata in vigore del primo Trattato internazionale
che vieta esplicitamente gli ordigni atomici

Per un mondo
senza armi nucleari

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
20 gennaio 2021

Un nuovo appello «per un mondo senza armi nucleari» è stato lanciato da Papa Francesco all’udienza generale di mercoledì 20 gennaio, in vista dell’entrata in vigore, venerdì 22, del Trattato per la proibizione degli ordigni atomici.

Dopodomani, venerdì 22 gennaio, entrerà in vigore il Trattato per la proibizione delle armi nucleari. Si tratta del primo strumento internazionale giuridicamente vincolante che vieta esplicitamente questi ordigni, il cui utilizzo ha un impatto indiscriminato, colpisce in breve tempo una grande quantità di persone e provoca danni all’ambiente di lunghissima durata.

Incoraggio vivamente tutti gli Stati e tutte le persone a lavorare con determinazione per promuovere le condizioni necessarie per un mondo senza armi nucleari, contribuendo all’avanzamento della pace e della cooperazione multilaterale, di cui oggi l’umanità ha tanto bisogno.