· Città del Vaticano ·

Papa Francesco celebra la solennità dell’Epifania

Alla scuola dei Magi
per imparare ad adorare

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 gennaio 2021

Con un’esortazione a mettersi «alla scuola dei Magi, per trarne alcuni insegnamenti utili» su come continuare ad «adorare il Signore», Papa Francesco ha rimarcato l’attualità dell’Epifania, celebrando giovedì mattina, 6 gennaio, la messa della solennità durante la quale è stato proclamato l’annuncio del giorno di Pasqua, che quest’anno sarà il 4 aprile.

“Alzare gli occhi”, “mettersi in viaggio” e “vedere” sono le «tre espressioni» suggerite dal Pontefice, durante il rito presieduto all’altare della Cattedra della basilica Vaticana. Dopo aver approfondito nell’omelia il significato di queste tre azioni, il vescovo di Roma ha concluso auspicando che Gesù «ci renda suoi veri adoratori, in grado di manifestare con la vita il suo disegno di amore».

Anche all’Angelus recitato a mezzogiorno dalla Biblioteca del Palazzo apostolico — ancora senza la presenza di fedeli a causa della pandemia — il Papa ha parlato della «manifestazione del Signore a tutte le genti», sottolineando che «la salvezza operata da Cristo non conosce confini, è per tutti».

Del resto, ha fatto notare, «l’Epifania non è un altro mistero, è sempre lo stesso mistero della Natività, visto però nella sua dimensione di luce: luce che illumina ogni uomo, luce da accogliere nella fede e luce da portare agli altri nella carità, nella testimonianza, nell’annuncio del Vangelo» ha spiegato, invitando ad «accogliere in sé questa luce» e a farlo «sempre di più». Infatti, ha ammonito, «guai se pensiamo di possederla, guai se pensiamo soltanto di doverla solo “gestire”! Anche noi, come i Magi, siamo chiamati a lasciarci sempre affascinare, attirare, guidare, illuminare e convertire da Cristo».

Al termine della preghiera mariana Francesco ha poi lanciato un appello per la Repubblica Centrafricana, dove si sono svolte elezioni con cui il popolo ha manifestato il desiderio di proseguire sulla via della pace.

L'omelia del Papa

L'Angelus