· Città del Vaticano ·

In rete

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 dicembre 2020

Mostra fotografica dalla Terra Santa


Nella distanza imposta dalla pandemia, un viaggio fotografico per raggiungere uno dei luoghi più cari alla cristianità. «Scorci dalla Terra Santa» è il titolo della mostra pubblicata sul sito internet della Biblioteca Generale della Custodia di Terra Santa www.bibliothecaterraesanctae.org. La mostra online accompagna il visitatore attraverso 3 sezioni (panorami, architettura e volti) e si inserisce all’interno del progetto «Libri Ponti di pace», creato dal Creleb dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano in sinergia con la Custodia di Terra Santa e con l’associazione Pro Terra Sancta. Scorci e vite raccolti durante i tanti viaggi dalla fotografa triestina Neva Gasparo, scomparsa nove mesi fa, e che ha collaborato a lungo con la Custodia e il Terra Sancta Museum. Immagine dopo immagine, i panorami più ampi sembrano restringere il punto di vista per lasciare posto ai profili della Città Santa in una armonica scala cromatica di contrasti e diversità. Nella sezione dedicata all’architettura a dominare sono strade e mura, pietre vive della storia incarnata nella contemporaneità. La ricerca dei volti, di fedi e culture diverse, punta all’umanità di ciascuno. Nello scatto di un attimo si posa l’immagine capace di raccontare un frammento del mosaico di tante vite.
 

Percorsi d’Avvento nella diocesi di Padova


«Parola e parole d’Avvento». Un percorso di preghiera per le famiglie con bambini per valorizzare la casa come Chiesa domestica. È la proposta della diocesi di Padova per l’Avvento. Un cammino nel quale i passi sono scanditi dalle video-meditazioni che, dal 28 novembre al 24 dicembre, sono trasmesse tre giorni la settimana, ogni martedì, giovedì e sabato, sui canali YouTube e social della diocesi e raggiungibili dal sito www.diocesipadova.it. Cinque i verbi che particolarmente ne segnano il percorso: vegliare, preparare, testimoniare, accogliere, meditare. Ogni parola viene commentata il sabato in preparazione alla lettura della domenica; ripresa il martedì e approfondita infine il giovedì, con riferimenti alla tradizione dei padri della Chiesa. Ogni sette giorni viene proposta, inoltre, la preghiera della notte per genitori e figli: «Mi riposo in te». Un momento di raccoglimento da vivere in famiglia, ponendosi in comunione con le comunità parrocchiali. Un gesto per «ringraziare, invocare e scegliere piccoli gesti di carità per prepararsi al Santo Natale».

a cura di Fabio Bolzetta