· Città del Vaticano ·

L’appello di Papa Francesco durante la preghiera dell’Angelus

Pace e riconciliazione per la Costa d’Avorio

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
16 novembre 2020

Dall’Asia, all’Africa, all’Europa, l’attenzione di Papa Francesco si rivolge sempre dove l’umanità sofferente è alla prese con le tragiche conseguenze di calamità, come nelle Filippine, di conflitti interni, come in Costa d’Avorio, o di altra natura, come l’incendio in un ospedale della Romania. E così al termine dell’Angelus domenicale del 15 novembre, il Papa ha voluto ricordare i filippini alle prese con distruzioni e inondazioni «provocate da un forte tifone», esprimendo «solidarietà alle famiglie più povere» e «sostegno a quanti si prodigano per soccorrerle». Quindi ha parlato del complesso processo di pace ivoriano, infine ha chiesto di pregare per i morti nel nosocomio romeno che ospitava «pazienti colpiti dal coronavirus».

L'Angelus