· Città del Vaticano ·

In preghiera silenziosa per le vittime degli abusi

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

11 novembre 2020

«Rinnovo la mia vicinanza alle vittime di ogni abuso e l’impegno della Chiesa per sradicare questo male». All’indomani della pubblicazione, Papa Francesco ha parlato del «Rapporto sul doloroso caso dell’ex cardinale Theodore McCarrick». Al termine dell’udienza generale di stamattina, mercoledì 11 novembre, il Pontefice è tornato ad assicurare la propria volontà di agire in modo rapido e deciso contro la piaga degli abusi per non lasciare spazio a omissioni, sottovalutazioni, scelte sbagliate. Dopodiché ha pregato in silenzio: circa trenta secondi di commosso raccoglimento, prima di riprendere i consueti saluti ai vari gruppi di fedeli che lo stavano seguendo attraverso la radio, la televisione e i nuovi media. Anche questa settimana infatti, al fine di contrastare la diffusione del covid-19, l’udienza si è tenuta  senza la presenza di pellegrini. Tema della catechesi è stata la preghiera perseverante di Gesù. In precedenza, il Pontefice aveva benedetto una statua mariana — espressione della spiritualità della Medaglia miracolosa di santa Caterina Labouré — che per un anno sarà pellegrina in tutta Italia.

L'udienza generale