· Città del Vaticano ·

Assemblea della Comece nel quarantesimo di fondazione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 ottobre 2020

In occasione del quarantesimo anniversario dell’istituzione della Commissione delle conferenze episcopali della Comunità europea (Comece), il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin parteciperà ai lavori dell’assemblea autunnale dell’organismo in programma il 28 e 29 ottobre a Bruxelles. Presieduta dal cardinale Jean-Claude Höllerich, composta dai vescovi delegati dalle ventisei conferenze episcopali cattoliche dell’Unione europea e con un segretariato permanente a Bruxelles, la Comece fu istituita il 3 marzo 1980, preceduta dal Servizio europeo di informazione pastorale (Sipeca) attivo dal 1976 al 1980, per creare uno strumento di collegamento tra episcopati e Comunità europea. Gli obiettivi sono quelli di monitorare e analizzare il processo politico dell’Unione europea, per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica nella Chiesa mantenendo un dialogo costante con le istituzioni attraverso riunioni annuali.

Parolin, che domani alle 19 presiederà la Messa per l’Europa, incontrerà diversi rappresentanti delle istituzioni dell’Unione europea, tra cui il vicepresidente della Commissione per la promozione dello stile di vita europeo, Margaritis Schinas. Insieme al cardinale segretario di Stato i vescovi delegati della Comece si confronteranno sul ruolo della Chiesa cattolica nel continente, soprattutto nel contesto dell’attuale pandemia di covid-19, discutendo di possibili iniziative per sostenere l’Ue nella ripresa attraverso temi quali la giustizia ecologica, sociale e contributiva e rafforzando la protezione dei poveri e dei più vulnerabili. In particolar modo, in relazione a quest’ultima tematica, dopo l’adozione, nel settembre scorso, del Patto dell’Ue sulla migrazione nel nome dei principi di solidarietà e dignità dell’uomo.