· Città del Vaticano ·

Questo mese Libri

Una incandescente corrispondenza con Maria
Nuovo libro di Anne Lécu, un’odissea dell’anima

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 settembre 2020

Da bambina, ho parlato molto con te. Mi ricordo di essere venuta a supplicarti in una chiesa mentre ero in vacanza perché guarissi un mio parente con un calcolo ai reni che gli faceva male. E poi, crescendo, ti ho lasciata, spaventata dai devoti che tradivano quel volto giovane, vivace, che amavo di te. Mi ci è voluto molto tempo per seguire di nuovo dal di dentro il passo del piccolo popolo dei credenti e avvicinarmi a te senza timore di tradire né quelli che confidano in te né quelli che non sopportano vergini in plastica e oggetti derivati”. Inizia così la prima delle ventinove lettere indirizzate da suor Anne Lécu, religiosa domenicana francese e medico nelle carceri, alla Vergine. Questa corrispondenza, questo canto dell’anima, di una donna a un’altra, composto in una lingua semplice e al tempo stesso poetica, non è soltanto preciso teologicamente e profondo psicologicamente e spiritualmente. È un’odissea dove si cammina con Maria, dove la si sente ridere e piangere, dall’Annunciazione all’Assunzione, dove si piange e dove si respira con lei. «Scriverti così — sussurra suor Anne Lécu — è bere alla fonte pura di un corso d’acqua selvaggio». [1]

E quest’acqua selvaggia è movimento, lontano dalle rappresentazioni ieratiche e melliflue della Vergine. «C’è un filo teso tra l’espressione “viaggiatrice di Dio” che, nel Decalogo, non smette di accompagnare il popolo nel suo cammino di liberazione e nella sua lunga marcia verso la terra promessa, e il Verbo che si è fatto carne nel tuo ventre — scrive —. Sì, Maria, tu sei diventata l’Arca santa portandolo, e ci inviti a fare delle nostre vite arche sante». Osservando Maria, la religiosa s’interroga: «A volte mi domando se aspetto ancora che qualcuno venga così a deporre tuo figlio nelle mie mani. Mi domando se l’attendo abbastanza, se la mia sete è intatta, o se il tempo l’ha spenta. Ti devi essere commossa molto, Maria, nel vedere così la reazione di Simeone, quel vecchio uomo che attendeva la consolazione d’Israele. È forse questo stato d’animo che occorre avere per ricevere l’unigenito tra le proprie mani: attendere la consolazione del mondo, spiarla come se ne andasse della nostra vita». Si dice a volte che un buon libro è quello che a sua volta fa venire voglia di scrivere. Questa corrispondenza di Anne Lécu va oltre: apre un’amicizia con Maria, «a tutte e a tutti coloro che vorranno intrufolarvisi». È quindi difficile richiudere queste lettere senza avere, a propria volta, la sete di rivolgersi alla madre: «che guarda la morte in faccia», alla «sorella maggiore che c’insegna la vita dei discepoli», alla figlia d’Israele che assomiglia a ogni donna di questo popolo, alla donna, fedele e retta, «in piedi nella notte per pregare in nome di tutti coloro che dormono».

di Marie Cionzynska

[1] À Marie, Lettres, Anne Lécu, Cerf, settembre 2020