· Città del Vaticano ·

La firma degli accordi a Washington

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

Tra Israele, Emirati Arabi Uniti e Bahrein

15 settembre 2020

I ministri degli Esteri di Emirati Arabi Uniti e Bahrain e il primo ministro di Israele firmano oggi a Washington i rispettivi accordi di pace che prevedono la normalizzazione delle relazioni tra Israele e i due Paesi arabi.

Alla cerimonia della firma, che avrà luogo alla Casa Bianca, prende parte il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Sarà anche presente il ministro degli Esteri ungherese, Péter Szijjártó.

I testi delle intese non sono ancora noti del tutto, ma la normalizzazione delle relazioni diplomatiche tra Israele e i Paesi arabi è destinata senza dubbio a cambiare il quadro politico del Medio oriente, come hanno rivendicato i protagonisti degli accordi.

Risale al 13 agosto l’annuncio di Trump del trattato per la normalizzazione dei rapporti tra Israele ed Emirati Arabi Uniti, mentre il “capitolo Bahrein” si è aperto venerdì scorso con la conferma della firma odierna.

Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha rivendicato l’importanza di «due accordi di pace in un mese». I palestinesi — nonostante le intese abbiano al momento sospeso l’annessione di Israele di parti della Cisgiordania — hanno dal canto loro ribadito la totale opposizione agli accordi, definendoli «una coltellata alla schiena».