· Città del Vaticano ·

Oltre 3 milioni di casi in America Latina

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

Bolsonaro positivo al covid-19

08 luglio 2020

In America Latina e nei Caraibi il numero di casi complessivi di covid-19 ha oltrepassato ieri il tetto dei tre milioni. L’area geografica si è confermata l’epicentro globale della pandemia, superando negli ultimi giorni prima l’Europa e poi gli Stati Uniti. «Due mesi fa, gli Usa rappresentavano il 75 per cento dei casi covid-19 nella regione americana. Ma, la scorsa settimana, l’America Latina e i Caraibi hanno registrato oltre il 50 per cento delle infezioni. Solo il Brasile ne ha riferito circa un quarto», ha avvertito ieri Carissa Etienne, direttore della Pan American Health Organization (Paho), ricordando che la prima ondata della pandemia continua ancora in tutto il continente americano con una forte ripresa: solo la scorsa settimana ci sono stati 735.000 nuovi casi, quasi il 20 per cento in più rispetto alla settimana precedente.

Presentando queste cifre, l’agenzia regionale dell’Oms ha espresso immensa preoccupazione per il fatto che il covid-19 si sta spostando dalle grandi città, che dispongono il più delle volte di strutture sanitarie adeguate, a quelle più piccole con meno risorse a disposizione per far fronte alla pandemia e con una crescente saturazione della capacità ospedaliera.

Il Brasile, dove ieri il presidente Bolsonaro è risultato positivo al covid-19, continua a essere il Paese più colpito della regione. Con Perú, Cile e Messico occupa 4 delle prime 10 posizioni a livello globale per numero di infezioni e decessi.