· Città del Vaticano ·

Il Papa vicino ai “Curas villeros” di Buenos Aires colpiti dal coronavirus

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

11 luglio 2020

Papa Francesco è vicino ai parroci che svolgono il loro ministero nei quartieri più poveri e popolari di Buenos Aires e prega in particolare per coloro che sono stati colpiti dall’epidemia da covid-19. Il Pontefice ha voluto far giungere la sua solidarietà ai sacerdoti attraverso un videomessaggio inviato giovedì 9 luglio ai “Curas villeros” attraverso monsignor Eduardo Horacío García, vescovo di San Justo.

«Voglio stare vicino a voi — dice il Papa — in questo momento in cui so che state combattendo». Il pensiero di Francesco è per i sacerdoti colpiti dal virus: «Tre dei parroci che lavorano tra di voi — ricorda — sono malati. Penso principalmente a padre “Bachi”, il pioniere di Villa Palito, e che dopo ha lavorato a San Petersburgo, Puerta de Hierro, tutti quei quartieri ai quali dedica la sua vita. In questo momento sta combattendo». Si tratta di padre Basilicio Brítez, ricoverato dal 21 giugno nella clinica San Camillo di Buenos Aires dopo essere risultato positivo al test per il covid-19. Vive e svolge la sua attività pastorale nella parrocchia di San Roque González e Compagni martiri del barrio Almafuerte. «Sta combattendo — aggiunge il Pontefice — perché non sta bene. Voglio dirgli che sono vicino a voi, che prego per voi, che vi accompagno in questo momento».

Poi il Papa assicura la solidarietà della comunità ecclesiale verso i suoi pastori e, in particolare, verso i “Curas villeros”, preti in prima linea che affrontano ogni giorno l’emergenza della pandemia tra difficoltà e carenze di ogni genere: «Tutto il popolo di Dio — sottolinea — insieme ai suoi parroci malati. È il momento di ringraziare Dio per la testimonianza di quei sacerdoti, pregare per la salute e andare avanti». Francesco conclude il video con la benedizione e con la richiesta di pregare per lui.