· Città del Vaticano ·

Cessate-il-fuoco globale e immediato per contrastare la pandemia

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

All’Angelus il Papa chiede l’attuazione della risoluzione dell’Onu per l’assistenza umanitaria delle popolazioni colpite dal virus

06 luglio 2020

Appello del Papa per un «cessate-il-fuoco globale e immediato» che garantisca «la pace e la sicurezza indispensabili per fornire l’assistenza umanitaria così urgentemente necessaria» alle popolazioni delle zone di conflitto colpite dalla pandemia.

Al termine dell’Angelus di domenica 5 luglio — recitato con i fedeli riuniti in piazza San Pietro nel rispetto delle misure di sicurezza adottate per evitare il diffondersi del contagio — il Pontefice ha rilanciato la risoluzione approvata in questi giorni dal Consiglio di sicurezza dell’Onu, che invoca, tra l’altro, la fine delle ostilità «per affrontare le devastanti conseguenze del virus covid-19». Una richiesta «lodevole» l’ha definita Francesco, esortando ad attuarla «effettivamente e tempestivamente per il bene di tante persone che stanno soffrendo. Possa questa risoluzione del Consiglio di sicurezza — è stato il suo auspicio — diventare un primo passo coraggioso per un futuro di pace».

In precedenza, nel commentare il brano evangelico della liturgia domenicale (Matteo 11, 25-30), il Papa aveva ricordato che la vera saggezza non è di coloro che «presumono di essere sapienti» ma viene da un «cuore aperto e fiducioso verso il Signore». Da qui l’invito ad accogliere «il ristoro» offerto da Gesù «agli affaticati e oppressi»: un aiuto che «non è — ha spiegato — un sollievo soltanto psicologico o un’elemosina elargita, ma la gioia dei poveri di essere evangelizzati e costruttori della nuova umanità». Ed è, ha aggiunto, «un messaggio per la Chiesa, chiamata a vivere le opere di misericordia e a evangelizzare i poveri, ad essere mite, umile».

L'Angelus