· Città del Vaticano ·

Relazione nuova con la Terra

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

Le iniziative in America latina

19 maggio 2020

Anche in America latina si susseguono le iniziative promosse in tutto il mondo per la Settimana Laudato si’, in cui, dal 16 al 24 maggio, per i cinque anni dell’enciclica di Papa Francesco sulla cura della Casa comune, i fedeli sono chiamati ad unirsi in solidarietà per un futuro più giusto e sostenibile.

In Cile, dal 18 al 23 maggio, vengono trasmessi quotidianamente da Radio Santa María una serie di programmi animati dal vicario apostolico di Aysén, Luis Infanti della Mora, che analizza alcuni brani dell’enciclica attualizzandola nell’ottica della realtà della Patagonia; arricchiti, inoltre, da un dibattito con i rappresentanti della Chiesa e della società civile che guidano iniziative di difesa e promozione della cura del pianeta. «Riteniamo — ha affermato il presule — che sia importante valorizzare i cinque anni di questa potente enciclica per valutare, guardare, criticare, proporre dalla Patagonia come continuiamo a trattare la Terra alla luce di questo testo, che ci offre uno sguardo evangelico per costruire una nuova relazione con il nostro pianeta meraviglioso, bello e prezioso, che Dio Padre regala ad ognuno allo stesso modo».

È invece intitolato «Settimana Laudato si’, 5 anni: ecologia integrale ed estrazione mineraria» il programma elaborato dalla Commissione episcopale speciale per l’ecologia integrale e l’estrazione mineraria (Ceem) della Conferenza episcopale brasiliana (Cnbb). In esso, fino al 25 maggio, si sviluppano confronti tematici quotidiani sul documento pontificio, con la partecipazione, tra gli altri, di rappresentanti della commissione, insegnanti e ricercatori, del Consiglio nazionale delle Chiese cristiane (Conic), Consiglio missionario indigenista (Cimi) e Commissione pastorale per la terra (Cpt). L’evento è stato aperto in Brasile con la preghiera nelle comunità presieduta dal presidente della Ceem, il vescovo di Caxias do Maranhão, Sebastião Lima Duarte, a cui hanno preso parte anche i vescovi della commissione, e vivrà il suo momento clou il 24 maggio a Belo Horizonte con la celebrazione eucaristica nella basilica Nossa Senhora da Piedade tenuta dall’arcivescovo della città brasiliana, il presidente della Cnbb, Walmor Oliveira de Azevedo. Sarà invece il vescovo ausiliare di Belo Horizonte e membro della Ceem, Vicente Ferreira, a chiudere la manifestazione con una messa che si svolge a Brumadinho, simbolo dell’incuria umana dopo il disastro ambientale del 2019.

Grande spazio ai social network nell’elaborazione argentina della manifestazione: sono stati infatti creati spazi di confronto e discussione in cui predisporre varie iniziative, oltre a quelle già avviate, al fine di approfondire il contenuto dell’enciclica e dare così seguito all’invito rivolto ai fedeli dal vescovo di La Rioja, Dante Gustavo Braida, tramite una lettera alla comunità e ai gruppi pastorali della diocesi dal titolo «Tempo di pandemia, tempo di opportunità alla luce della Laudato si’».

«Stiamo attraversando questo periodo di pandemia che ci ha portato a fare diversi cambiamenti nei nostri comportamenti — ha osservato il presule — e ci permette di vedere che altre realtà più profonde devono essere rinnovate nella società, in modo che il mondo in cui viviamo offra possibilità a tutti i suoi abitanti di vivere e crescere degnamente». Perché queste trasformazioni siano possibili — ha aggiunto — è necessario che tutti noi partecipiamo e ci sentiamo protagonisti. È molto illuminante vedere come Papa Francesco, nella sua enciclica, abbia anticipato una serie di carenze o debolezze in questo mondo che hanno conseguenze disastrose per molte persone, togliendo loro la libertà e danneggiando le loro vite, come il consumismo, l’autoreferenzialità, la vita frenetica, il vuoto del cuore, eccetera, che portano con sé, tra le altre cose, violenza e distruzione reciproca». Allo stesso tempo, però, ha concluso Braida, «il Papa ci dice che è possibile cambiare rotta, che è possibile ricominciare, incoraggiandoci a cercare un altro stile di vita con altri parametri o valori».