· Città del Vaticano ·

Perché i governanti siano uniti per il bene del popolo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

A Santa Marta il Papa invoca anche dignità per i lavoratori

02 maggio 2020

«Per i governanti che hanno la responsabilità di prendersi cura dei loro popoli» in questo tempo di pandemia, il Papa ha offerto, sabato 2 maggio, la messa mattutina a Casa Santa Marta. E affinché «Capi di stato, presidenti di governo, legislatori, sindaci, presidenti di regioni... capiscano che, nei momenti di crisi, devono essere molto uniti... perché l’unità è superiore al conflitto», il Pontefice ha pregato insieme con 300 gruppi di “madrugadores”, organizzazione di fedeli «che si alzano presto per pregare», i quali hanno voluto unirsi a lui nella circostanza. Il giorno precedente, 1° maggio, festa di san Giuseppe lavoratore, Francesco aveva elevato la sua supplica «perché a nessuna persona manchi» l’occupazione, «tutti siano giustamente pagati e possano godere della dignità del lavoro e della bellezza del riposo».

Leggi anche:

L'omelia della messa di venerdì 1° maggio

L'omelia della messa di sabato 2 maggio