· Città del Vaticano ·

Per fare della tutela sociale una vera priorità dell’Unione

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

Su Change.org una petizione lanciata da ”Popoli e polis”

14 aprile 2020

Indicare come prioritari gli obiettivi di promozione sociale dei cittadini dell’Unione europea. È questo lo scopo della petizione lanciata sulla piattaforma online Change.org dall’avvocato napoletano Francescomaria Tuccillo ideatore del progetto politico “Popoli e polis” e dall’ex-parlamentare Giuseppe De Mita coordinatore di “Italia è popolare”.

Alla petizione hanno aderito già diversi esponenti del mondo politico, tra i quali Lorenzo Dellai e Renato Balducci, imprenditoriale, accademico e culturale tra i quali l’intera redazione di “Nigrizia”, la rivista comboniana fondata e diretta a lungo da padre Alex Zanotelli.

L’intento è quello di indicare all’Unione europea priorità quali la tutela dei cittadini europei (e non solo) sotto l’aspetto sociale, con adeguate politiche di sostegno che possano finalmente avere un quadro di riferimento di rango per così dire costituzionale. La petizione è formalmente indirizzata al presidente del Parlamento europeo, David Sassoli. E naturalmente, prende spunto dall’attualità, nei giorni in cui l’Eurogruppo è stato impegnato a risolvere conflitti tra stati membri per una soluzione condivisa dell’emergenza economica e sociale dovuta alla pandemia da coronavirus.

Se l’obiettivo della promozione sociale dei cittadini europei non diventa un obbligo, come lo è per esempio nella Costituzione italiana per i cittadini della Repubblica, spiega Tuccillo, i leader dei membri europei più recalcitranti a condividere politiche di solidarietà, avranno sempre buon gioco ad affermare che tali misure esorbitano dalle competenze dell’Unione.

Perché ciò accada, naturalmente, occorre che gli stati europei prendano coscienza della necessità di rilanciare gli obiettivi politici e la stessa ragion d’essere delle istituzioni comunitarie.