· Città del Vaticano ·

Il Venerdì santo di Francesco

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

10 aprile 2020

«Guarda le braccia aperte di Cristo crocifisso, lasciati salvare sempre nuovamente». È l’invito spirituale che Papa Francesco, attraverso un tweet postato sull’account @Pontifex, ha rivolto ai fedeli nella mattina del 10 aprile, Venerdì santo. Un invito che trova espressione concreta nei due intensi momenti di preghiera che scandiscono la serata: alle 18, nella basilica Vaticana, il Pontefice presiede la liturgia della Passione e dell’adorazione della Croce, e, alle 21, guida la Via crucis in piazza San Pietro. A portare la croce, tra gli altri, sono cinque detenuti del carcere Due Palazzi di Padova — le meditazioni sono state scritte anche da alcuni di loro — e cinque medici e infermieri della Direzione di sanità e igiene del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano. E proprio alla comunità del penitenziario il Papa ha rivolto un messaggio di incoraggiamento e di ringraziamento per aver preparato le meditazioni della Via crucis.

Leggi anche:

Il ringrazimento del Papa agli autori delle meditazioni della Via Crucis

I testi delle meditazioni della Via Crucis