· Città del Vaticano ·

Chiesa di L’Aquila

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg

Un sito alla settimana

07 aprile 2020

309 rintocchi di campana, uno per ogni vita inghiottita dal terremoto. L’Aquila ha ricordato l’undicesimo anniversario del sisma. Erano le 3.32 del 6 aprile 2009. Il sito internet dell’arcidiocesi metropolitana, che dedica una sezione anche al tema della ricostruzione, ha condiviso l’iniziativa di commemorazione «Accendi la tua luce». Finestre e balconi illuminati per non spegnere la memoria e tenere alta la vicinanza verso chi oggi ha perso la vita a causa del coronavirus. «Le 309 stelle che rievochiamo rimarranno sempre accese nel cielo spirituale e civile della Città, così come brilleranno perennemente nell’anima dei loro cari» ha scritto in un messaggio, pubblicato sul portale, il cardinale Giuseppe Petrocchi, arcivescovo di L’Aquila. «Ancora una volta siamo tenuti a vincere la sfida contro un destino avverso» ha sottolineato richiamando la comunità a risposte coraggiose, di cittadinanza etica e di tenace fiducia. «Come credenti abbiamo la certezza che ogni sofferenza, abitata dalla Pasqua di Gesù, viene riscattata e resa fonte di salvezza. Per questo il “terreno” umano dove è stato sparso un grande dolore, se vivificato con l’acqua del Vangelo, fruttifica in sovrabbondante risurrezione».

(www.chiesadilaquila.it)

a cura di Fabio Bolzetta