Ricordo di Cataldo Naro a quindici anni dalla morte

Teologia dello sguardo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
29 settembre 2021
«Il suo episcopato era animato da uno zelo pastorale, da una sorta di fuoco interiore, che nasceva dalla visione lucida di situazioni e persone e dalla necessità di intervenire, per rispondere a una chiamata, a una missione». Così Michele Pennisi, arcivescovo di Monreale, sintetizza la figura del suo predecessore Cataldo Naro, a quindici anni dalla morte, avvenuta il 29 settembre 2006. Il presule, che per l’anniversario presiederà oggi alle 18 nella cattedrale di Monreale la concelebrazione eucaristica, traccia per i lettori de «L’Osservatore Romano», il profilo di monsignor Naro, una delle figure più innovative della Chiesa siciliana e italiana del Novecento (tra l’altro Naro è stato firma prestigiosa del quotidiano della Santa Sede, oltre che di «Avvenire» e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati