Tra i docenti romani alla ripresa della scuola

Ripartire dall’entusiasmo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
25 settembre 2021
Trentottomila. È il numero dei docenti a Roma. Sono spalmati tra scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di i e ii grado. Ma negli istituti della Capitale oggi mancano all’appello più di duemila insegnanti. L’analisi di un quotidiano nazionale ricorda che bisogna far fronte sia ai pensionati (sono poco più di un migliaio) sia a chi usufruisce della cosiddetta “quota 100” (circa duemila). A ciò si aggiungono anche problemi strutturali: ad esempio, l’ultimo rapporto di «Cittadinanza», segnala che, nel Lazio, l’82% delle scuole non ha un certificato di agibilità e l’89% non è adeguato a norme antisismiche. Per indagare sull’affidabilità dei numeri, bisogna ascoltare i protagonisti. Dunque, dopo le impressioni dei ragazzi, questa settimana si cambierà lato dell’aula. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati