Giornata di preghiera e solidarietà per il popolo afghano organizzata dalla diocesi di Roma

Per non restare indifferenti

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
15 settembre 2021
L’Afghanistan è sempre nel suo cuore. I volti dei bambini e lo sguardo delle donne afghane sono la spinta potente ad agire, a pregare, digiunare, mettere in campo idee e progetti, oggi come ieri. Padre Matteo Sanavio, sacerdote dei rogazionisti, consigliere generale per il servizio della carità e missione, è presidente dell’associazione intercongregazionale Pro Bambini di Kabul (PBK) che dal 2006 operava in Afghanistan e che, dopo l’ascesa al potere dei talebani, per ora ha chiuso i battenti. Con lui sono numerosi i consacrati e le consacrate che, avendo operato direttamente sul campo, nella capitale afghana, vivono una speciale vicinanza materiale e spirituale ai profughi afghani in Italia. «Ci uniamo con tutto il cuore al messaggio del Papa — dice a “L’Osservatore Romano” padre Sanavio — che esorta tutti noi a ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno