L’opera della Comunità di Sant’Egidio per l’accoglienza dei profughi afghani

Fare rete per ridare speranza

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
13 settembre 2021
La tragedia di quanto sta accadendo in questo periodo in Afghanistan è sotto gli occhi di tutti: le immagini dell’aeroporto di Kabul, i morti, la popolazione in fuga, i bambini affidati a sconosciuti, il destino delle donne tornate a essere dominio dei talebani, le famiglie disperse o divise dai voli umanitari stanno oltrepassando lo schermo delle nostre televisioni divenendo realtà tangibile, giungendo al cuore di tutti; non ha importanza l’essere cristiani o meno perché mai come oggi la partecipazione è tanta e abbraccia ogni credo. Non è un caso che proprio alla Comunità di Sant’Egidio, a Roma, stiano arrivando da tutta Italia chiamate di gente che vuole offrire supporto di ogni genere per aiutare quelle persone che l’informazione e le immagini hanno ormai reso “familiari”, quei volti colmi di ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno