La comunione delle vocazioni nella pastorale familiare

Sposi e sacerdoti insieme per edificare la Chiesa

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
09 settembre 2021
Innanzi alla possibilità di scoprire nella famiglia uno stile di comunione ecclesiale, in cui la Chiesa possa esprimersi anche come “famiglia di famiglie”, può essere importante riflettere sulla necessità di promuovere una concreta comunione delle vocazioni nella pastorale familiare. Mi riferisco, in particolare, al ministero ordinato e al matrimonio. La prospettiva ecclesiologica del concilio Vaticano ii, che ha valorizzato la Chiesa come popolo di Dio in cammino, ha messo a fuoco la partecipazione di ogni battezzato al sacerdozio comune e regale di Cristo, stabilendo tra fedeli e presbiteri una relazione diretta (Lumen gentium 10). In particolare, il matrimonio e il sacerdozio hanno ambedue una diretta finalità di costruzione e dilatazione del popolo di Dio. La comune vocazione alla santità di tutti ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno