«Eccomi!» di Campana Comparini

Una presenza che “primerea”

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 settembre 2021
Lo spazio della nostra libertà, il ventaglio di possibilità che si spalanca un attimo dopo il nostro sì — qualunque nostro sì, benché incerto, timido, incespicante — è tutto nel punto esclamativo del titolo. In Eccomi! (Milano, La nave di Teseo, 2021, pagine 144, euro 12) Francesca Campana Comparini ripercorre fatti e personaggi salienti del Vecchio e Nuovo Testamento alla luce della “teoria dell’anticipazione”. Tradotta nel lessico porteño di Papa Francesco (ed estrapolata dal contesto più “tecnicamente” filosofico in cui è nata) la teoria dell’anticipazione è il “primereare” di Dio nei confronti dell’uomo, il suo fedele, tenace attenderci in qualsiasi momento della vita, qualsiasi cosa succeda o sia successa un attimo prima. Basta una piccola mossa della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno