Dario Levantino racconta una storia di disperazione e speranza ambientata a Palermo

Sale della terra

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 settembre 2021
Ha il sapore e l’incanto di una fiaba la storia narrata da Dario Levantino in La violenza del mio amore (Roma, Fazi, 2021, pagine 304, euro 16), quella di Rosario e Anna, due giovanissimi che si amano e aspettano un figlio. Vivono a Palermo del quartiere Brancaccio, zona tra le più degradate della città, dove domina incontrastato un boss, Totò Mandalà, che tutti temono tranne il parroco che apertamente sfida il malaffare, la prostituzione, il crimine, dando rifugio e aiuto a chi ne ha bisogno. Aiuta anche Rosario e Anna, ospitandoli in un minuscolo locale della parrocchia. I due ragazzi sono senza casa, senza soldi, senza famiglie alle spalle ma coltivano il loro amore con forza e coraggio, come un fiore nato tra i sassi, un dono prezioso capace di riscattarli dall’infelicità, dalla miseria, dalla ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno