Rilasciati anche alcuni attivisti per i diritti umani

In Guinea i golpisti liberano 80 oppositori di Condé

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
08 settembre 2021
Conakry , 8. Resta fortemente instabile la situazione nella Repubblica di Guinea dopo il colpo di Stato militare che, domenica scorsa, ha sconvolto il già precario equilibrio di questo tormentato Paese, il più ricco di risorse minerarie di tutta l’Africa occidentale. I soldati delle forze speciali che, guidati dal tenente colonnello Mahamady Doumbouya, hanno rovesciato il contestato presidente Alpha Condé — dichiarando lo scioglimento della Costituzione e annunciando un governo di transizione — si sono impegnati ad accelerare la liberazione dei «detenuti politici». Un primo gruppo di 80 oppositori di Condé, detenuto nella prigione civile di Conakry, è stato rilasciato ieri sera. Una mossa che è stata letta come premessa al vertice dei capi di Stato e di governo della Comunità ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno