I militari golpisti ordinano una riunione con i ministri di Condé

Guinea nel caos

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
07 settembre 2021
Conakry , 7. C’è forte apprensione per la Repubblica di Guinea dopo gli ultimi accadimenti che hanno portato, domenica scorsa, al colpo di Stato militare e al rovesciamento del presidente Alpha Condé. Le forze speciali dell’esercito hanno preso il potere e arrestato il presidente, instaurando una Giunta militare. I golpisti — attualmente riuniti nel neocostituito Comitato nazionale per il raggruppamento e lo sviluppo (Cnrd) e guidati dal tenente colonnello Mamady Doumbouya — cercano intanto di consolidare il controllo del Paese, dopo aver imposto il coprifuoco nazionale «fino a nuovo avviso», chiuso le frontiere, annunciato lo scioglimento della costituzione e del governo e ordinato ai soldati della guardia presidenziale di unirsi alle forze della Giunta militare. L’evoluzione del golpe resta tuttavia ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno