Dal carcere di Rebibbia una storia di fede e redenzione ispirata dal Sommo Poeta

La divina commedia di Sumino ’o falco

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
04 settembre 2021
Erich Auerbach nel suo Studi su Dante spiega che «l’oggetto della Commedia, anche se essa raffigura lo stato delle anime dopo la morte, rimane la vita terrena in tutta la sua ampiezza e il suo contenuto; tutto quanto avviene in alto o in basso nel regno dell’aldilà, si riferisce al dramma dell’uomo nell’aldiquà». Il poema «al quale ha posto mano cielo e terra», oltre a essere fonte di ispirazione per prodotti di genere — romanzi fantasy e thriller, come pure musical e graphic novels, traduzioni filmiche con effetti speciali, videogiochi — non smette di dare alimento a opere letterarie sostanziate dal «dramma dell’uomo nell’aldiquà» (si pensi, nel Novecento, a Primo Levi, Luzi, Montale, Caproni, Pasolini ed Eliot, per citare solo alcuni nomi). La Divina Commedia è stata ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno