Catastrofe ecologica nel fiume Kasai

04 settembre 2021
Kinshasa, 4. L’inquinamento del fiume Kasai, nella Repubblica Democratica del Congo, prodotto dagli scarichi tossici di alcune compagnie minerarie, ha causato la morte di almeno 12 persone e migliaia di casi di diarrea e malattie della pelle nel sud del Paese centrafricano. Lo denuncia il ministero congolese dell’Ambiente, parlando di «catastrofe ecologica». Lo sversamento era stato segnalato dai residenti alla fine di luglio: l’acqua era diventata rossa e sono stati avvistati pesci morti a Tshikapa. Rappresentanti eletti del Kasai avevano anche riferito di «cadaveri di ippopotami nel fiume, un importante affluente del fiume Congo». Esperti di una commissione mista congolese-angolana hanno da allora stabilito che «questo disastro è stato causato da una compagnia mineraria angolana che ha ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno