L’arcivescovo di Marsiglia sull’impennata di violenze nella città

Necessario il risveglio delle coscienze

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 settembre 2021
Un «risveglio delle coscienze» di fronte alla recente impennata di violenze legate al traffico di droga, ai regolamenti di conti tra gang per il controllo del territorio — con vittime sempre più giovani — e all’abbandono sociale: l’appello è lanciato da monsignor Jean-Marc Aveline, arcivescovo di Marsiglia, in una lettera aperta dedicata alle piaghe della sua «cara città focese», che proprio in questi giorni ha ricevuto la visita del presidente Emmanuel Macron per lanciare un piano di risanamento. «Marsiglia è più di una città: è un messaggio! Un messaggio in cui l’angoscia si mescola alla speranza», afferma il presule, nato e cresciuto in una casa popolare dei quartieri nord, oggi sinonimi di malavita organizzata, violenza ed emarginazione. ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno