Tra talebani e miliziani, mentre le aperture al dialogo con l’Occidente si moltiplicano

Combattimenti nel Panshir

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
03 settembre 2021
Kabul , 3. Anche dopo la presa di Kabul da parte dei talebani, e il completo ritiro delle truppe statunitensi, non si fermano i combattimenti in Afghanistan. I talebani stanno tentando l’assalto finale alla Valle del Panshir, l’ultima sacca di resistenza nel nordest del Paese, a circa cinquanta chilometri dalla capitale. Nelle ultime ore, i mullah hanno lanciato un ultimatum alla resa ai miliziani del Panshir, soprattutto dopo il fallimento di colloqui. Le milizie sotto il comando di Ahmad Massoud — figlio del leggendario «leone del Panshir» Ahmad Shah Massoud, protagonista della resistenza contro i sovietici prima e i sedicenti studenti coranici poi — hanno rifiutato di deporre le armi e continuano la loro battaglia. Secondo il dirigente talebano Muhammad Jalal, «decine di postazioni sono state conquistate dai ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno