In viaggio

La montagna e la preghiera

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
01 settembre 2021
Sospese tra cielo e terra, modeste costruzioni in pietra che emergono a volte dal verde dei pascoli, a volte dal bianco delle cime innevate, sparse nel paesaggio: croci, cappelle, oratori sono tutti simboli di quella che oggi viene chiamata tradizione religiosa delle Prealpi occidentali, una realtà specifica di questa regione montuosa della Svizzera, nel territorio della diocesi di Lausanne, Genève et Fribourg e quella di Basilea. Al primo sguardo si può pensare che sono lì da tempi immemorabili, come le leggende medievali elvetiche, mentre invece sono piuttosto recenti. Diffidente nei confronti della montagna due secoli fa, la comunità ha gradualmente conquistato le Prealpi nel Novecento: un’evoluzione raccontata ne Il battesimo della montagna (Neuchâtel, Alphil éditions, 2021, pagine 680, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno