L’Europa e il nodo dei rifugiati

01 settembre 2021
Bruxelles , 1. Dopo il decollo dell’ultimo aereo statunitense dall’Afghanistan, l’Europa affronta ai massimi livelli ministeriali la questione migratoria, per evitare di doversi trovare in una emergenza simile a quella del 2015. Sei anni fa, l’Unione europea bloccò la cosiddetta “rotta balcanica” finanziando la Turchia perché non lasciasse più passare i migranti provenienti dalla Siria. La questione della sicurezza preoccupa almeno tanto quanto quella dei diritti: non soltanto per gli afghani che hanno collaborato con ong ed eserciti negli ultimi vent’anni, ma anche per le migliaia di stranieri che non sono ancora riusciti o non sono ancora voluti partire dall’Afghanistan. Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha proposto la creazione, a partire da oggi, di una “safe zone” gestita dall’Onu per il proseguimento ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno