A causa dei combattimenti nel Tigray

Etiopia, oltre 7.000 scuole distrutte

01 settembre 2021
Addis Abeba, 1. Oltre 7 mila scuole sono state danneggiate nel conflitto tra l’esercito fedele al governo federale dell’Etiopia e i ribelli del Fronte di liberazione del popolo del Tigray. A pagarne il prezzo sono soprattutto gli studenti, oltre un milione di ragazzi e bambini che non potranno ricevere un’istruzione adeguata. A denunciarlo è stato ieri il ministro dell’Istruzione etiope, Getahun Mekuria. Come rilevano numerosi analisti, l’assenza dalle aule scolastiche espone i ragazzi e i bambini al rischio di finire nelle maglie della malavita, della criminalità organizzata, dei gruppi armati e addirittura dei trafficanti di esseri umani. La mancanza di strutture scolastiche adeguate a causa del conflitto in corso è dunque un problema enorme che rischia di avere pesantissime ripercussioni sociali. Scoppiato il ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno