La Chiesa vietnamita di fronte al covid-19

Generosi in nome del Vangelo

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
31 agosto 2021
«Sentiamo di avere il dovere assoluto di lavorare con altre persone per prenderci cura dei pazienti poiché tutti noi siamo figli di Dio»: Mary Bui Thi Bich Huyen, della congregazione delle Suore Amanti della Santa Croce, spiega così perché la Chiesa in Vietnam si impegna in prima linea per lottare contro la pandemia di coronavirus, promuovendo il rispetto delle misure di prevenzione del contagio, fornendo donazioni per la campagna vaccinale, mettendo a disposizione le proprie strutture sanitarie per i malati covid-19 e offrendo assistenza presso gli ospedali. Il Paese asiatico, che aveva contrastato con successo la prima fase della pandemia, è da diverse settimane alle prese con la quarta ondata di coronavirus legata alla più contagiosa variante delta. La giornata dell’8 agosto ha registrato ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno