Grazie a Unhcr, Intersos, Cei, Fondazione Migrantes e arcidiocesi di Torino

A scuola in Italia ragazzi rifugiati dal Niger

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
31 agosto 2021
Trentacinque minori non accompagnati, attualmente rifugiati in Niger, avranno l’opportunità di frequentare la scuola in Italia grazie al progetto «Pagella in tasca». Promosso da Intersos e Unhcr — e realizzato con il sostegno della Conferenza episcopale italiana (nell’ambito della campagna «Liberi di partire, liberi di restare» - Fondi 8 per mille Chiesa cattolica), di Fondazione Migrantes, Acri (nell’ambito del Progetto Migranti) e Fondazione Compagnia di San Paolo — prevede l’ingresso dei minori per motivi di studio attraverso un canale regolare e sicuro. In Italia potranno continuare a studiare, senza rischiare la vita affidandosi ai trafficanti per attraversare il mar Mediterraneo. Tra i beneficiari del programma c’è Adam, 16 anni. Il suo sogno è diventare un medico. È nato in un ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno