Diventare “cercatori di Dio”

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
30 agosto 2021
«La Perdonanza è la celebrazione della misericordia del Padre celeste, donata a noi in Cristo, crocifisso e risorto, e da noi accolta, vissuta e trasmessa agli altri. Ogni giorno il credente impara, con progressiva intensità, a lasciarsi perdonare, a perdonarsi, a chiedere perdono e a offrire perdono». Risuonano solenni e significative nella suggestiva cornice della basilica di Santa Maria di Collemaggio le parole pronunciate ieri, domenica 29, dal cardinale Giuseppe Petrocchi, arcivescovo di L’Aquila, nell’omelia della messa a cui è seguito il rito della chiusura della Porta santa, nell’ambito della 727a edizione della Perdonanza celestiniana, svoltasi (nel suo programma anche non religioso) dal 23 al 30 agosto nel capoluogo abruzzese. Si è trattato del momento più importante della ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno