Sul termine (ora tanto in voga) resilienza

Saper rimbalzare per affrontare la sorte

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
28 agosto 2021
C’è oggi un vocabolo che gira molto sulle bocche della gente, ed è la parola resilienza. Essa deriva dal latino «re-silire» che sta per «saltare indietro», «rimbalzare». In origine indicava una proprietà fisica di un materiale di deformarsi e di tornare nella sua forma precedente. Ma oggi il termine ha abbandonato il campo prettamente fisico-sperimentale per trasmettere il suo alone di significati (elasticità, flessibilità) anche alla dimensione psicologica e sociale. Per cui «resiliente» diventa la capacità di assorbire i colpi, di sapersi modellare all’impatto, anzi sapere accumulare energia proprio dalla carica negativa, che viene ad abbattersi improvvisamente su una persona o su un gruppo, e trasformarla in energia con un ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno