Allarme dell’Unicef sulla sicurezza dei bambini in Iraq

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
27 agosto 2021
Baghdad, 27. Allarme in Iraq per la sicurezza dei bambini. L’Unicef è «profondamente turbato» dalla notizia ricevuta della morte di un bambino di 10 anni, il 24 agosto scorso, a Diyala a causa della detonazione di un residuato bellico esplosivo, e di un altro bambino di 11 anni il 25 agosto scorso nel villaggio di Muradiya, a sud di Baquba, a causa di un ordigno esplosivo. Purtroppo, queste non sono perdite isolate di vite innocenti, afferma Unicef, che esprime il suo allarme per l’aumento di morti e feriti tra i bambini a causa di mine e residuati bellici esplosivi in Iraq negli ultimi mesi. Tra gennaio e agosto 2021, le Nazioni Unite hanno registrato la perdita della vita di 35 bambini a causa di residuati bellici esplosivi in tutto il Paese, altri 41 sono stati mutilati. Si tratta di un allarmante aumento delle ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno