Spunti di riflessione

I sensi dell’anima

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
26 agosto 2021
S econdo la tradizione musulmana, appena il bambino è uscito dal grembo della madre, gli si devono bisbigliare all’orecchio la professione di fede e una preghiera. In modo tale che la prima parola che l’uomo ascolta sia rivolta a Dio. È un’idea suggestiva. Invece noi oggi, abbiamo le orecchie sporche da tante parole cattive, sguaiate, inutili; espressioni volgari. Abbiamo bisogno anche noi di essere guariti, come il sordo del Vangelo. Guariti dal tocco di Gesù e dalla sua Parola. Dimentichiamo che anche l’anima ha i suoi sensi. Anche la nostra vita spirituale ha bisogno dei suoi sensi per vivere. Non ci pensiamo mai. E tanto meno ce ne preoccupiamo. Ricorriamo agli specialisti per il più piccolo allarme ai nostri sensi corporali, ma siamo capaci di lasciare l’anima nella cecità più completa e ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno