Testimonianze

Francescani nel Bronx

25 agosto 2021
«Volete vivere l’esperienza di Cristo crocifisso? Bene, andate nel Bronx». Ricevendo nel 1987 un gruppo di cappuccini americani che si interrogavano su come tradurre nella realtà il rinnovamento chiesto ai religiosi dal Concilio Vaticano ii, l’allora arcivescovo di New York, il cardinale John Joseph O’Connor, andò dritto al sodo: quelli che sarebbero poco dopo diventati i primi otto frati francescani del rinnovamento — meglio conosciuti come “francescani del Bronx” — dovevano comportarsi da «poveri fra i poveri», tenendosi alla larga dalla tentazione di collocarsi al di sopra degli abitanti del quartiere più malfamato della Grande Mela. Così ci racconta fra Raphaël-Jacques Chilou, che decise nel 2002 di lasciare la sua piccola parrocchia di Saint-Bertrand de Comminges, nei Pirenei ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno