In Zambia il Centro Mthunzi accoglie i ragazzi di strada con l’aiuto del Celim

Appartenere a qualcuno

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
24 agosto 2021
Owen ce l’ha fatta. Oggi è caposquadra dei vigili del fuoco di Kabwe, città dello Zambia con circa 240.000 abitanti. La sua esistenza ora scorre serena tra l’impegno professionale (al quale tiene tantissimo), la sua famiglia e le amicizie. Ma c’è stato un momento in cui la sua vita ha rischiato di deragliare: «Sono nato in una famiglia difficile e per qualche anno sono stato un ragazzo di strada. Vivevo di espedienti e sopravvivevo a stento», racconta ora. La strada è stata la sua casa, la sua mamma e il suo papà. Un rifugio che però non è un rifugio. È piuttosto un territorio selvaggio dove vive la legge del più forte. Dove la violenza, la sopraffazione e le privazioni sono pane quotidiano. Ad aiutare i ragazzi e le ragazze di strada sono in pochi; su di essi ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno