In Costa d’Avorio la Bibbia in lingua «nouchi»

Vangelo a portata di strada

23 agosto 2021
Il Vangelo a portata di strada: da quasi un anno in Costa d’Avorio un gruppo di giovani di confessione cattolica ed evangelica traduce ogni giorno un passaggio della Bibbia in nouchi, un linguaggio ibrido nato nel paese alla fine degli anni Settanta, parlato dai ragazzi di strada e dagli alunni che hanno abbandonato la scuola. L’idea è di offrire un supporto didattico quotidiano per evangelizzare persone che non sono mai state in contatto con la Parola di Dio. Al fine di garantire una massima diffusione dei testi, gli autori dell’iniziativa hanno deciso di ricorrere ai social, una scommessa vincente: a un anno dalla sua creazione, la pagina Facebook chiamata Evangile en nouchi conta adesso migliaia di iscritti. Il brano da tradurre viene scelto il giorno prima, seguendo il calendario liturgico, da un gruppo di otto persone, con una ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno