Spirituale ma non religioso

23 agosto 2021
Fin dai tempi dei profeti dell’età dell’acquario, o quantomeno a partire dagli anni Sessanta, è in atto un cambiamento religioso nella società italiana. La Chiesa perde attrattiva rispetto a forme alternative e non istituzionalizzate di religiosità. È questa una forma evidente di quella che Charles Taylor chiamava “Secular Age”. Il termine oggi in uso, però, non è più quello di new age o next age, bensì quello che i sociologi abbreviano con la sigla sbnr , dalle parole inglesi spiritual but not religious: «(io sono) spirituale ma non religioso». Due sociologi, Stefania Palmisano dell’Università di Torino e Nicola Pannofino dell’Università della Valle d’Aosta, hanno svolto una prima esplorazione sociologica su questa sfuggente spiritualità ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno