Quando lo sport vuole cambiare la cultura dell’inclusione dei più fragili e non ha tempo per la retorica

La meglio gioventù

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
23 agosto 2021
Il pesista buonoFabio Torres(Colombia) Lo stile solidale dello sport paralimpico ha “impedito” al sollevatore di pesi colombiano Fabio Torres e a sua moglie Arelis Cantillo Villegas — hanno 6 figli — di starsene con le mani in mano senza aiutare le persone di Bogotá in difficoltà per la pandemia. E così, un anno e mezzo fa, proprio all’inizio della pandemia, hanno creato la fondazione Gestión, Amor y Vida per «assistere le persone con disabilità, adulti anziani e bambini a basso reddito». «Andiamo nelle case a portare da mangiare a chi ne ha più bisogno, a volte stando in giro anche per 10 ore di fila» racconta Torres. «C’è gente che ha perso il lavoro e non ha più nulla e soprattutto ci sono molte persone con disabilità, anche atleti, in ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno