Le parole nella Parola

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
21 agosto 2021
La Parola contenuta nella Scrittura, per i cristiani, è rivelazione di Dio, quindi unica, definitiva e irrevocabile e a essa non può essere tolto o aggiunto alcunché. Posta questa irrinunciabile premessa, si deve constatare che, lungo duemila anni, di essa sono state fornite molteplici letture ed esegesi volte a porre in evidenza alcuni aspetti a preferenza di altri pur rimanendo, sostanzialmente, all’interno di un medesimo registro interpretativo. Nel cristianesimo contemporaneo la situazione è velocemente cambiata perché si stanno accostando alla Scrittura soggetti che prima erano solo i destinatari di interpretazioni altrui e che oggi, invece, leggono la Bibbia a partire da esperienze e con sensibilità anche radicalmente diverse, cogliendo sfumature e significati che prima rimanevano nell’ombra ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno