Quel film mai fatto di Robert Bresson sul fondatore dei gesuiti

La voce di Ignazio di Loyola

cq5dam.thumbnail.cropped.500.281.jpeg
02 agosto 2021
Sulla copertina della «Rivista del cinematografo» del gennaio 1948 una foto di “Roberto (sic) Bresson” annuncia che il regista francese si trova in Italia per realizzare il film biografico Ignazio da Loyola. Sono previste riprese a Roma che proseguiranno in Francia e in Spagna, frutto di un grande sforzo produttivo della Universalia Film. In pochi mesi, nonostante gli annunci e l’immenso lavoro preparatorio, le circostanze favorevoli vengono meno e il film su -sant’Ignazio non vedrà mai la luce. Bresson lo rammentava spesso: «Ho trascorso un anno in Italia per questo film che non ho girato. Anno che del resto non rimpiango». Il regista in effetti riportò con sé in Francia un bagaglio di riflessioni che avrebbero avuto una importanza fondante su tutta la sua opera. Due anni prima, fine 1946, ...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

paywall-offer
Cara Lettrice, caro Lettore,
la lettura de L'Osservatore Romano in tutte le sue edizioni è riservata agli Abbonati

Fino al 30 Novembre potrai usufruire del prezzo promozionale di 20€ all'anno